Concorso Crowddreaming iii edizione 2018

In occasione del 2018 – Anno Europeo del Patrimonio Culturale i partecipanti sono chiamati a riflettere sul tema dell’Europa come più grande laboratorio interculturale mondiale - Piazza Europa 

 

I gruppi di studenti le cui idee saranno state selezionate per la fase finale avranno la possibilità di lavorare online insieme a un team di professionisti che sta curando la progettazione e realizzazione di un monumento digitale all’interculturalità europea.

 

I ragazzi potranno perciò vivere una esperienza semplice, ma reale di collaborazione con professionisti che operano all’avanguardia nel settore del digitale per il patrimonio culturale. La loro “vittoria” nel concorso sarà l’inserimento di loro materiali e la menzione dei loro nomi all’interno del monumento, qualora raggiungano il livello di qualità richiesto dal professionista-tutor.

 

Gli studenti del Liceo Artistico Musicale "Foiso Fois" di Cagliari, sono stati selezionati per la seconda fase, coordinati dalla prof.ssa Beatrice Artizzu e il Tutor Paolo Russo. 

 

Download
Locandina A3 scud.pdf
Documento Adobe Acrobat 6.1 MB

Il PDF è linkabile per accedere ai siti


La CORTE o il CORTILE elemento di raccordo urbano , pubblico, privato, attraversabile, cerniera tra strade, vicoli, portici e piazze . La Corte o Cortile gioca un ruolo importante nella composizione urbana, contribuisce alla transizione tra lo spazio pubblico e privato, garantisce un momento di sosta, di approvvigionamento , di tranquillità, salubrità degli ambienti che vi si affacciano, ma anche luogo di accoglienza, riunione e scambi culturali. Abbiamo ritenuto importante studiare e valutare questo particolare sistema di aggregazione, la loro evoluzione e trasformazione nei tempi, per integrare con un un elemento connesso alla Piazza Europa , un tassello del Monumento Digitale.

 

 

 

Per poter descrivere al meglio questo pilastro fondamentale della comunità, partiamo dall’articolata storia del Complesso Monumentale di Sant’Antonio a Cagliari che, prima edificio religioso appartenente all’Ordine dei Cavalieri di Sant’Antonio di Vienne in Francia (sec.XIV) diviene la prima struttura ospedaliera di Cagliari un secolo dopo. Alla conclusione del Concilio Tridentino lo Spedale viene destinato alla cura degli infermi. I locali dell’antico ospedale vengono successivamente adibiti ad edificio scolastico. Dopo un periodo di abbandono, nel 2005 iniziano gli importanti restauri che lo porteranno a diventare nel 2009 il primo ostello della gioventù di Cagliari, attuale Hostel Marina affiliato all’Hostelling Internetional.

AMBIENTI ANTICHI